Falsi poliziotti vendono false riviste

falsi-polizia

Si spacciavano per poliziotti e telefonavano a cittadini e aziende proponendo abbonamenti a riviste che in realtà nulla avevano a che fare con le Forze dell’ordine.

In realtà erano due truffatori, smascherati dai veri poliziotti, quelli della questura di Campobasso, che hanno scoperto il raggiro e denunciato i due finti “colleghi”.

Un 36enne, residente in provincia di Taranto, e un 55enne, residente in provincia di Reggio Calabria dovranno rispondere dei reati di truffa e sostituzione di persona.

L’indagine era partita a seguito delle numerose segnalazioni arrivate in Questura che denunciavano l’attività dei truffatori.

Questi effettuavano le telefonate nascondendo il proprio numero, utilizzavano nomi di poliziotti realmente in servizio e spingevano gli interlocutori a sottoscrivere il contratto di abbonamento a periodici chiamati “Polizia” e “Sicurezza”.

Ricordiamo che la sola rivista ufficiale della Polizia di Stato è il mensile PoliziaModerna, il cui abbonamento annuale costa 24€ e assolutamente non viene promosso per telefono (come abbonarsi).

La Polizia di Stato e i suoi appartenenti non propongono abbonamenti, né per telefono né di persona, non vendono beni e non chiedono denaro.

Qualora ciò dovesse accadere si consiglia di rivolgersi al 113 per segnalare questi episodi accertandosi sulla vera identità delle persone dalle quali si viene contattati. (fonte)

Ti potrebbe interessare anche...