Crea sito

Cassazione cambia idea, siti responsabili per i commenti dei lettori

cassazione-responsabili-siti

Il sito in questione è Agenziacalcio.it e i fatti risalgono al 2009, quando un lettore lasciava un commento diffamatorio sul forum del sito. Gli insulti erano rivolti al presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio Carlo Tavecchio, che veniva definito “emerito farabutto” e “pregiudicato doc”.

Agenziacalcio.it era stato assolto al primo grado di giudizio e condannato al secondo. La condanna viene adesso confermata dalla Corte di Cassazione che si era già espressa in modo simile nel 2014 a proposito del sito web Nuovocandore.it. Il gestore del sito adesso condannato dovrà pagare 60 mila euro a Tavecchio, per “concorso in diffamazione”.

Secondo la Cassazione il gestore doveva sapere dell’esistenza del commento perché notificato dal suo stesso autore tramite un’email. Agenziacalcio.it sostiene invece di esserne venuto a conoscenza solamente nel momento in cui la polizia ha notificato il sequestro del sito.

Una sentenza molto importante per i gestori di siti web, che dovranno rivedere le loro politiche a livello di amministrazione dei commenti dei lettori, e che apre differenti tipi di scenari anche in ottica social network: Facebook è interessato da questa decisione? I gestori dei siti avranno la possibilità di verificare ciascun commento e cancellare quelli inappropriati o preferiranno rinunciare alle sezioni che prevedono l’interazione con i lettori?

Come noto, è ricorrente che le sezioni con commenti dei lettori finiscano per accogliere insulti, espressioni diffamatorie e considerazioni al di sopra delle righe, spesso nei confronti di personaggi di dominio pubblico.

D’altra parte la Cassazione si sta esprimendo in senso opposto al caso del novembre scorso quando assolveva il sito Cartellopoli, condannato invece in primo grado a nove mesi di carcere per istigazione a delinquere in merito ad alcuni commenti anonimi. Il fatto risaliva al 2010, momento in cui il blog “nato per combattere l’invasione abusiva dei cartelloni pubblicitari a Roma” veniva momentaneamente bloccato e condannato. Sarebbe stato riaperto pochi mesi dopo, ma la vicenda giudiziaria si è risolta solamente di recente. (fonte)

You may also like...